FRANCIA, JONGHI LAVARINI : MELONI PRENDA ESEMPIO DALLA LE PEN

Tempo di lettura: < 1 minuto

FRANCIA, JONGHI LAVARINI : MELONI PRENDA ESEMPIO DALLA LE PEN, DAL SUO CORAGGIO E DALLA SUA COERENZA, SI SVEGLI DALL’INCUBO NEL CENTRISTA E RIPRENDA IN MANO LE REDINI DELLA STORIA DELLA DESTRA E DELLA SUA IDENTITA’

Finalmente anche la Francia s’e’ desta.

Per la prima volta dopo decenni siamo di fronte ad un risultato storico che dovrebbe contribuire a far aprire gli occhi ai polli della destra nostrana che continuano a voler lisciare il pelo a un certo main stream e a certa sinistra, succubi della sindrome della mancata accettazione.

Abbiamo alle spalle una storia gloriosa fatta di dignità e onore.

Ma cosa va cercando la Meloni barcollando al centro?

Forse l’approvazione dei vari Bonaccini?

Schlein?

Ma per favore !

Il risultato francese dovrebbe insegnarci che la tenacia e’ un valore così come il non tradire le proprie origini e i propri ideali.

La svolta al centro della Meloni e’ miope e porta la destra nel vicolo cieco dell’auto annientamento.

Congratulazioni alla Le Pen !

E alla sua battaglia coerente e leale di decenni grazie alla quale ha condotto alla vittoria la destra francese.

- SprayNews - Monica Macchioni

ELEZIONI EUROPEE , IL BALLO DEL CANDIDATO DELLA LEGA , L'EUROPARLAMENTARE ANGELO CIOCCA

Tempo di lettura: < 1 minuto

CIOCCA : «Scrivi un nome per cambiare scrivi Ciocca e vota Lega, l’Europa è da svegliare, basta insetti da mangiare».

Il ritornello fa rimpiangere “Meno male che Silvio c’è”.

In quel caso muratori, casalinghe, baristi e una giovanissima Francesca Pascale scendevano la scalinata del Palazzo della Civiltà Italiana per l’inno azzurro di quel che era il Pdl. Oggi, anni dopo, si punta di più sulla coreografia.

Per la precisione quella di quattro giovani che cantano una canzone spot per l’europarlamentare della Lega Angelo Ciocca ricandidato alle prossime elezioni europee.

Lo sfondo non è Roma, nessuna architettura particolare no, semplicemente la cornice sono le schede elettorali con la X sul nome del candidato.

«Made in Italy da tutelare e i mutui da abbassare.

La Turchia non deve entrare», alcuni punti del suo programma.

Il video, in più versioni, sta diventando virale, a modo suo, sui social.

«L’ho visto tutto, ma ancora non ci credo.

Non è possibile», è solo uno dei commenti degli utenti in rete.

E anche: «Non riesco più a capire se sono parodie o cose reali».

Ciocca non è nuovo a canzoni elettorali.

Cinque anni fa usava la stessa maglietta, “Stai con Ciocca”, ma era direttamente lui a mettersi in gioco.

Con tanto di lancio della t-shirt”.

https://www.open.online/2024/05/22/angelo-ciocca-vota-balletto-spot-elettorale-video

- SprayNews - Monica Macchioni

CIOCCA : ALTRO CHE CARTELLINO ROSSO, IN EUROPA HO SOLO FATTO BATTAGLIE GIUSTE PER L'ITALIA E GLI ITALIANI.

Tempo di lettura: 3 minuti

Onorevole Ciocca, Lei ormai e’ diventato famoso in Europa per la scarpa, per il cartellino rosso e per altre iniziative che qualcuno potrebbe definire goliardate?

Non credo proprio.

Mi sono fatto strada in questi anni all’Europarlamento portando avanti battaglie giuste, nell’interesse del mio Paese e degli italiani. Piccolo particolare: le voci di dissenso una certa Europa - quella delle carni sintetiche e della farina di insetti per intenderci - tende a silenziarle. E così utilizzo qualche escamotage di colore per abbattere il muro di silenzio che alcuni poteri forti vorrebbero tenere in piedi, a scapito dell’Italia.

Non Le pare di aver un po’ esagerato con la vicenda delle case green.

Mi scusi, ma i soldi per gli italiani per fare l’efficentamento energetico chi li tira fuori?

L’Europa?

Nessuno.

In un Paese dove fortunatamente circa 8 italiani su 10 possiedono la casa dove vivono secondo lei cosa significa imporre questa misura?

Semplice.

Svalutare il costo degli immobili stessi.

Per poi venirsela a comprare per quattro spicci.

Le sembra logico?

Riempirsi la bocca delle parole “ambiente”, “risparmio energetico”, “sostenibilità” usando le tasche degli italiani.

Complimenti!

No, grazie.

Io non sono d’accordo.

Ma Lei ci parla mai alla gente in carne ed ossa?

E’ mai entrata in un bar a sentire il parere delle persone che faticano ad arrivare alla terza settimana del mese?

Secondo Lei sono interessati all’efficentamento energetico della loro abitazione?

Con quali soldi dovrebbero riuscire a fare i lavori di ristrutturazione se non sanno come pagare la bolletta della luce ?

Mi scusi ma è evidente che è un cane che si morde la coda.

E che il provvedimento e’ palesemente strumentale.

Infatti noi italiani siamo gli unici a possedere le nostre case, negli altri paesi sono tutti in affitto e i lavori quindi li pagherebbero le multinazionali dell’edilizia.

Si tratta di un saccheggio dei risparmi degli italiani con la scusa dell’ambiente a cui possono credere solo gli ingenui come Pecoraro Scanio

Voi della Lega siete sempre stati contro l’Europa.

Contro l’Europa delle ingiustizie, delle ineguaglianze, del cappio al collo.

Abbia pazienza.

Chi ci ha traghettato in Europa, lo ha fatto da irresponsabile nella migliore dei casi.

Faccio un esempio chiaro anche ai bambini. Nel 1999 un cono gelato costava 1000 LIRE, dall’ingresso dell’euro quello stesso cono gelato costa 2,5 euro cioè circa 5 mila lire, cioè 5 volte il cono del 1999.

Le pare che Prodi abbia fatto un regalo agli italiani?

Questo abominio economico si danni delle tasche degli italiani vale per tutti i prodotti anche se con frazioni diverse di speculazione.

La responsabilità dell’impoverimento degli italiani e’ di Prodi che ha accettato tutto senza condizioni e del suo governo, prono alla Trilateral e ai grandi interessi internazionali.

Anche in questo caso è stato un attacco all’Italia e agli italiani: siamo l’unico paese fortemente penalizzato dal concambio, l’unico !

Quindi la mia proposta è : non importa se prodi è stato incompetente o ci ha guadagnato qualcosa, è inutile continuare a rimpiangere la lira troviamo una soluzione concreta e la mia soluzione è chiedere all’europa una compensazione .

Proporrò che la restituzione dei finanziamenti del PNRR sia alleggerita e diluita come compensazione degli enormi danni che noi abbiamo subito da un coefficiente di concambio con l’euro totalmente sbagliato

Però anche nel governo di centrodestra ci sono delle divergenze basti pensare allo scontro Tajani Giorgetti sul 110
Io amo guardare a ciò che unisce e non a ciò che divide.

Per quanto riguarda il 110, poi, personalmente, ho una proposta da fare che potrebbe essere una operazione di sintesi a vantaggio di tutti.Giorgetti ha pienamente ragione, non possiamo far fallire il paese per il populismo e il voto di scambio attuato da Conte ma è anche vero che penalizzare chi ha usufruito del 110% in modo retroattivo non è il massimo.

Pagheremmo noi come immagine presso gli italiani le colpe di conte. Io lancio un’idea che mi sembra salvare capra e cavoli: rendiamo il credito spalmato in 10 anni e non in 5 come propone Giorgetti ma compensiamo i 5 anni aggiuntivi con un tasso di rendimento.

In questo modo per gli italiani che sono costretti a splamerlo su 10 anni sarebbe come aver investito in un bot, avrebbero il loro ritorno economico e si riattiverebbero - anche con l’aiuto e la spinta di Giorgetti - le vendite dei crediti alle banche.

- SprayNews - Monica Macchioni

EUROPEE, DINO ROSSI ( COSPA ) : UN BIFOLCO IN EUROPA PER TOGLIERE IL FILO SPINATO

Tempo di lettura: < 1 minuto

Dino Rossi, leader del COSPA , candidato nelle liste di Cateno De Luca LIBERTA’ per le elezioni europee collegio SUD (Abruzzo, Molise, Campania, Basilicata, Puglia e Calabria)

Ringrazio Cateno De Luca per aver dato la possibilità agli agricoltori veri in carne ed ossa di far sentire la propria voce e di venire essere candidati in prima persona come e’ accaduto al sottoscritto che correrà per la lista Libertà nella circoscrizione SUD (Abruzzo, Molise, Campania, Basilicata, Puglia e Calabria), contrariamente a quello che fanno gli altri partiti per arrivare in Europa, che sfruttano come sciacalli le battaglie e le istanze di noi agricoltori con il solo fine di racimolare qualche voto in più ed essere eletti.

Se ci troviamo in queste condizioni e’ perché in passato siamo solo stati usati.

Molti comitati sono telecomandati, stanno parlando male degli agricoltori candidati.

Evidentemente chi per anni ha campato sulla buona fede degli agricoltori teme che questi si siano finalmente svegliati.

Per questo e’ importante mandare un bifolco in Europa. E’ questo lo slogan che ho scelto per la mia campagna elettorale. Auguro a Cateno De Luca una pronta guarigione.

Abbiamo bisogno di tutto il suo impegno, la sua creatività e la sua genialità in questa campagna elettorale.

Corriamo per vincere!

SprayNews - Monica Macchioni

UNIVERSITA' DI MIAMI : PROGETTO DEL MIAMI DADE COLLEGE

Tempo di lettura: < 1 minuto

Successo straordinario per il workshop organizzato all'Università di Miami dalla deputata Maria Elvira Salazar che ha personalmente donato al progetto del Miami Dade College la somma di tre milioni di dollari

- SprayNews - Monica Macchioni

Università di Miami : progetto del Miami Dade College - SprayNews - Monica Macchioni

On. CICCHITTO (REL): “CONTE IPOTIZZA LA GUERRA ATOMICA PER BLOCCARE INVIO ARMI IN UCRAINA"

Tempo di lettura: < 1 minuto

On. CICCHITTO (REL) - Giuseppe Conte, come l’alcolizzato dirigente russo Medvedev, ipotizza la guerra atomica per bloccare l’invio di armi alla Ucraina e costringerla ad arrendersi alla Russia.

Putin sa benissimo che la deterrenza dell' Occidente su questo terreno è altissima per cui fa minacce solo a scopo mediatico per dare una sponda ai filoputinisti come Conte.

Ma come fa il PD a fare con il M5S non solo accordi negli enti locali ma di tipo nazionale che richiedono una intesa piena sulla politica estera?

SprayNews - Monica Macchioni

RUSSIA, ON. CICCHITTO (REL) : SALVINI PUTINISTA IN SERVIZIO PERMANENTE EFFETTIVO

Tempo di lettura: < 1 minuto

RUSSIA, ON. CICCHITTO (REL): SALVINI PUTINISTA IN SERVIZIO PERMANENTE EFFETTIVO

CICCHITTO - REL - Una uscita molto inquietante quella del vicepresidente del consiglio Salvini a proposito del risultato elettorale in Russia.

Il segno del regime e’ dato proprio dal risultato che li si è registrato cioè quasi il 90 per cento. Salvini dopo essere stato garantista con Putin rispetto a Navalny adesso certifica pure la bontà di un risultato che mette invece in evidenza l’esistenza di una dittatura.

Questo vuol dire che se il centrosinistra ha dei problemi incredibili dal punto di vista politico perché il suo non è un campo largo ma un campo di battaglia anche il centrodestra non è combinato bene sul tema delicato della politica estera perche’ questa uscita di Salvini conferma che egli mantiene fermo il patto di consultazione del 2017 ed e’ un putinista in servizio permanente effettivo.

Per di più siccome i suoi risultati elettorali finora sono penosi, non potendo usufruire per sua sfortuna dello stesso apparato di cui si serve Putin in Russia, non si capisce perché Giorgetti, Zaia, Fontana e Fedriga continuano ad accettare la guida di un mediocre condottiero che non li porta neanche alla vittoria ma a una catena di sconfitte elettorali.