MASSONERIA, IN PALIO LA FONDAZIONE DA OLTRE 200 MILIONI, BISI E SEMINARIO TENTANO IL DOPPIO GOLPE, MA… IN BALLO C’È LA REPUTAZIONE DEL GOI

20 Marzo 2024
- Di
Redazione
MASSONERIA Leo Taroni - SprayNews
Array
Tempo di lettura: 4 minuti

MASSONERIA: C’è’ sempre più nervosismo nella massoneria italiana dopo le elezioni che hanno decretato un vincitore e la riunione notturna della CEN ( comitato elettorale nazionale ) che alle 4 di notte ha ribaltato il responso delle urne, annullando voti per Leo Taroni.
A dire il vero, gia’ si era arrivati alle elezioni in un clima da guerra fredda con l’attuale Gran Maestro uscente Stefano Bisi - indagato nel 2014 per ricettazione dalla Procura della Repubblica di Siena nell’ambito del noto scandalo “Mens Sana” , la squadra di pallacanestro sponsorizzata dal Monte dei Paschi di Siena - preventivamente da molti mesi all’opera per espellere i concorrenti e i dissidenti e addirittura impegnato nel tentativo di non far accettare la lista 1 di Leo Taroni concorrente alla lista 2 di Tonino Seminario - peraltro dichiarato fallito sia come società sia personalmente dal Tribunale di Rossano nel 2001- suo vassallo, tentativo non riuscito anche grazie agli articoli che lo hanno denunciato.
Alle elezioni la lista 2 di Tonino Seminario ha preso 6.467 voti – la stragrande maggioranza dei quali in Calabria e Sicilia – e la lista 1 di Leo Taroni ha ottenuto 6.482 voti – spalmati su tutte le regioni d’Italia, ma concentrati prevalentemente al Nord – aggiudicandosi così le elezioni per 15 voti.
Da lì la situazione è persino peggiorata: escono le notizie sui risultati elettorali e Stefano Bisi commissiona un comunicato stampa sul sito del GOI in cui definisce il vincitore Leo Taroni come un “sedicente candidato” e i risultati derivanti dagli scrutini degli “exit poll” , che ovviamente non si fanno per le elezioni massoniche. Si capisce subito che la parte perdente Bisi – Seminario ha qualcosa in mente per rovesciare il risultato elettorale con qualche manovra impropria e non lineare.
Il 9 marzo infatti si riunisce il CEN e delibera a maggioranza risicatissima – 8 membri contro 7 membri – l’annullamento guarda caso di una serie di voti della Lombardia ( regione dove Taroni ha stravinto ) utilizzando come alibi la presenza nella scheda del talloncino elettorale di garanzia voto.
Da sottolineare il fatto che nelle precedenti elezioni dove vinse Bisi lo stesso CEN ritenne validi tutti i voti con la presenza del talloncino.
Essendoci questo precedente, risulta evidente la debolezza della motivazione, al punto tale che essa non possa reggere e quindi mettono le mani avanti facendo un ricorso alla corte centrale e raddoppiando così il golpe: vogliono dichiarare illegittima l’ammissione alla competizione elettorale della lista 1 Noi insieme di Leo Taroni, arrampicandosi sugli specchi.
Neanche nelle peggiori dittature, dopo aver ribaltato l’esito elettorale, si chiede una non ammissione della lista prima vincente e poi perdente. Un golpe basta e avanza!
Ovviamente la lista 1 è stata autorizzata dal CEN – lo stesso organo che ha ribaltato il risultato elettorale – quindi questa richiesta qualora venisse accettata andrebbe a disconoscere la validità del lavoro del CEN, e viene pertanto da chiedersi se non sia un inconsapevole autogoal cioè se non disconosca implicitamente anche il lavoro fatto dal CEN il 9 marzo quando, annullando voti per Taroni, ha decretato la vittoria di Seminario. E poi perché se si è sicuri della validità della decisione del CEN si tenta addirittura di far espellere retroattivamente una lista autorizzata regolarmente, che ha fatto campagna elettorale e sul campo ha vinto ? Ci si prepara forse a reggere l’urto della giustizia profana?
Che ci sia malafede nell’azione e timore di venir fermati dalla giustizia lo si vede anche dalle epurazioni che sono prontamente seguite, tipiche di qualsiasi golpe che si rispetti. Eh si, perché subito dopo il ribaltamento del voto del 9 marzo sono stati destituiti dalle cariche della gran Loggia ( l’organo che delibera e guida il GOI ) molti esponenti di spicco che avevano appoggiato Taroni.
Le epurazioni per ora sono 10, di cui
3 in Lombardia, 2 in Piemonte, 2 in Emilia-Romagna, 1 in Sardegna.
Evidentemente il nervosismo di Bisi e Seminario ha raggiunto livelli tali da provocare azioni esagerate, di micro vendetta e sicuramente lesive dell’immagine del GOI, in quanto confermano il pregiudizio di consorteria lobbistica e di poca trasparenza.
Evidentemente Bisi e Seminario sanno che la motivazione dei talloncini non è sostenibile e cercano di tagliare alle radici il problema puntando su una decisione non proprio oggettiva del presidente della Corte Centrale: Don Ugo Bellantoni – indagato e poi archiviato per concorso esterno alla ‘ndrangheta nella inchiesta Rinascita Scott della procura di Catanzaro - gran maestro onorario, calabrese e sponsor di Bisi e Seminario.
E’ un atto evidentemente da ultima spiaggia : come può essere giudicato chi richiede e ottiene l’annullamento della validità della lista concorrente a elezioni finite e fra l’altro formalmente vinte dal richiedente ? Come si pensa poi di governare il GOI ? Con espulsioni continue e politica del terrore ? Rientrano forse queste misure nei parametri di fratellanza e armonia che dovrebbero ispirare la migliore tradizione della massoneria italiana?
Tutto questo nervosismo deriva sicuramente dalla consapevolezza che il golpe ha le ore contate.
La lista 1 di Leo Taroni appena avrà ottenuto il probabile diniego della corte centrale di Bellantoni sul ricorso sui talloncini – adirà alla giustizia ordinaria che con ogni probabilità in tempi molto molto rapidi le darà ragione in base ad articoli inoppugnabili.
In sintesi :

  • La costituzione e il regolamento del GOI non prevedono nulla in merito ai tagliandini antifrode, tra gli obblighi degli elettori e del seggio di scrutinio non si menziona mai il tagliandino elettorale
  • Se si menziona in altri documenti operativi di guida alle elezioni questi non sono comunque fonte di diritto interno
  • In materia elettorale in Italia vige il principio del “favor voti” che prevede che il voto debba essere ammesso ogni volta che si possa desumere la volontà chiara dell’elettore mentre devono essere dichiarati nulli solo quei voti in cui siano presenti inequivocabili segni di riconoscimento
    Questo “favor voti “ è stato riconosciuto da diversi atti della giurisdizione italiana – a cui la massoneria e il GOI devono attenersi – come il testo unico delle leggi per l’elezione della camera dei deputati e dalla giunta per le elezioni della camera dei deputati del giugno 19.
    In conclusione, per la legge italiana il voto espresso su scheda a cui non è staccato il talloncino sono da ritenersi validi.
    Fra l’altro la lista 1 di Leo Taroni ha anche depositato una denuncia per associazione a delinquere nei confronti degli 8 membri del CEN che non hanno applicato la legge interna e la legge italiana e sono andati contro le loro stesse decisioni delle precedenti elezioni.
    Vediamo se Bisi e Seminario saranno così disperati da forzare il doppio golpe con l’annullamento retroattivo della validità della lista 1 o capiranno che andando avanti così saranno ricordati come quelli che hanno distrutto definitivamente la reputazione del GOI rischiando anche di farlo commissariare da esterni. Questo attaccamento al potere nel GOI da parte di Bisi deriva forse dalla fondazione da lui creata e da lui guidata che gestisce più di 200 milioni di patrimonio immobiliare ?

SprayNews

Copyright @SprayNews
linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram