PUGLIESE : ITALIA – ALBANIA, UNITI DALLA LINGUA ARBERESHE DA OLTRE 600 ANNI. MINISTRO TAJANI ASCOLTACI.

29 Aprile 2024
- Di
Redazione
Categorie:
Pugliese : Ministro Tajani ascoltaci - SprayNews - Monica Macchioni
Array
Tempo di lettura: 2 minuti

La storia degli Arbëreshë (Albanesi d’Italia) rappresenta una delle massime testimonianze d’integrazione sociale e culturale in Europa.

Lo abbiamo detto più volte, in Italia cinquanta comuni conservano da oltre 600 anni la lingua e le tradizioni, gli usi e costumi, e tutt’ora osservano il rito greco-bizantino cattolico durante la liturgia.

Una memoria storica che rappresenta un valore inestimabile per l’Italia come per l’Albania.

Continuando di questo passo i borghi arberesh rischiano l’estinzione, e invece proprio da qui occorre partire con una inversione di marcia riscrivendo la storia, attuando un “Rivolgimento” come teorizzato dal Ministro Cassiani cinquant’anni fa.

Dal fallimento della classe politica incapace di intraprendere un percorso comune capace di valorizzare le proprie comunità, testimonianza di un modello di accoglienza straordinario, occorre ripensare ad un ecosistema europeo che diventi folgorante per la rinascita di questi luoghi e che diventi protagonista nelle relazioni internazionali tra i governi e anche nei rapporti tra la Premier Meloni ed il Premier Rama. Negli ultimi giorni abbiamo assistito ad un racconto scandaloso nel programma Report riguardo il progetto condiviso tra i due governi per la gestione dei migranti, speriamo finisca con una smentita concreta, che ci verrà dimostrata dai fatti.

Mi chiedo però, esiste una efficiente gestione diplomatica e della Cooperazione?

Una storia ed una amicizia tra due paesi e due popoli sicuramente non può essere bersaglio di speculazioni giornalistiche.

Mi auguro che la cooperazione tra Albania e Italia possa tracciare il cammino di una seria alleanza che miri ad una Europa Mediterranea forte e strategica.

Auguriamoci che venga fatta luce sulla questione, e soprattutto che i rapporti tra Italia e Albania non subiscano lo stesso trattamento mediatico disgustoso e scellerato proprio come riservato al sud Italia.

Occorre portare sui tavoli del Parlamento proposte e progetti per tornare ad investire e credere nelle comunità Arbereshe, la politica e le istituzioni hanno il dovere di far vivere i territori attraverso forme di cooperazione collettiva che aiutano nella sussistenza e nella sopravvivenza di intere realtà.

Bisogna dare priorità e centralità alle comunità e alle identità, promuovere e valorizzare le risorse endogene, intese come elemento strategico e distintivo per la ricchezza economica e sociale dei territori.

Un’espressione culturale la nostra che porta con sé valori che hanno contribuito a scrivere la storia del sud e dell’Italia intera come terra di accoglienza e condivisione.

Un milione di persone che mantengono nel tempo il loro patrimonio etnografico, culturale e linguistico, hanno il diritto di vedersi custodire la propria identità e l’inestimabile bellezza.

Madre Teresa di Calcutta di origine albanese, diceva: perché le radici sono importanti.

Una ricchezza quella degli Arbëreshë in primis e quella delle altre minoranze etnico-linguistiche, fa parte del patrimonio culturale italiano ed europeo, merita più attenzione e rispetto perché può e deve rappresentare un volano turistico, culturale ed economico.

Cataldo Pugliese, romano di adozione e calabro-arberesh di origine, dichiara: L’energia spesa da oltre un ventennio, caratterizzata da una vision di comunione e condivisione, e focalizza a dar luce all’identità arbëreshë, rappresenta da qualche anno l’obiettivo di tutti i membri del movimento culturale “Italia delle Minoranze”.

- SprasyNews - Monica Macchioni

Copyright @SprayNews
linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram